Stemma del Comune di SpilambertoComune diSpilamberto


Beni comuni » I patti di collaborazione

Patto di collaborazione per la gestione dello spazio destinato ad area sgambamento cani presso via Gandhi

Il presente Patto di Collaborazione definisce e disciplina le modalità di collaborazione tra il Comune e il Proponente per la realizzazione delle attività e degli interventi concordati in fase di co-progettazione a seguito della proposta pervenuta al Comune.

La fase di co-progettazione potrà essere riaperta anche in corso di realizzazione delle attività, al fine di concordare gli eventuali adeguamenti di cui sia emersa l’opportunità.

Le attività riguardano:

Nello specifico la proposta, riguarda:

  1. iniziative volte a migliorare la relazione con il proprio cane attraverso la promozione di attività ludiche ed informative da svolgere anche con il supporto di istruttori ed esperti;
  2. definizione di una proposta progettuale da sottoporre al Comune per valutare la futura estensione dell’area di sgambamento al fine di consentire l’accesso ad un maggior numero di cani garantendone la corretta fruibilità;
  3. sfalcio completo periodico dell’erba;
  4. interventi di lavorazione a mezzo potatura di cespugli e/o siepi, tenendo conto dell’epoca di fioritura di ogni specie, comprensiva della eventuale asportazione delle eventuali specie infestanti e dell’eliminazione di piante arbustive interamente morte;
  5. tutela igienica integrativa delle aree verdi e dei relativi arredi in ordine a: svuotamento cestini portarifiuti, spazzamento, raccolta di eventuali deiezioni canine;
  6. manutenzione ordinaria degli arredi presenti;
  7. verifica dell’integrità degli arredi, della presenza di rami o alberi pericolanti, di rifiuti pericolosi e/o ingombranti che non possano essere conferiti;
  8. azioni di monitoraggio e sensibilizzazione della cittadinanza al rispetto delle disposizioni relative alla corretta fruzione dell’area (es. modalità di accesso, conduzione dei cani, rimozione deiezioni canine, etc.);
  9. segnalazione tempestiva al Comune delle situazioni di danneggiamento/pericolo, atti di vandalismo (anche grafico), guasti, malfunzionamenti o non utilizzabilità di arredi, riscontrate nello svolgimento delle attività di cui ai punti precedenti;
  10. definizione, insieme al Comune, di regole di accesso e di utilizzo a garanzia della corretta fruizione dell’area da parte di chiunque ne richieda l’accesso.

Forme di sostegno:

Il Comune – come concordato in fase di co-progettazione – sostiene la realizzazione delle attività concordate attraverso:

  1. l’utilizzo dei mezzi di informazione dell’Amministrazione per la promozione e la pubblicizzazione delle attività;
  2. la possibilità per il Proponente, al fine di fornire visibilità alle attività, di realizzare forme di pubblicità, secondo le modalità concordate con il Comune, quali, ad esempio, l'installazione di targhe informative, menzioni speciali, spazi dedicati negli strumenti informativi del Comune;
  3. la fornitura di quanto segue compatibilmente con i tempi per le procedure di acquisizione e con le disponibilità finanziarie del Comune: di materali per la manutenzione degli arredi da definire, di volta in volta, in base alle necessità di intervento; di attrezzi per la manutenzione del verde e la raccolta di fogliame e rifiuti (rastrelli, palette, cesti); di dispositivi di protezione individuale;
  4. la destinazione di eventuali proventi derivanti dall’istituzione di tariffe per l’utilizzo dell’area, all’acquisto di attrezzature/arredi o quant’altro richiesto dal Proponente e funzionale al miglior utilizzo dell’area stessa.

A cura di: Luigi Cremonini, Marzia Musi, Gianni Luigi Terenziani, Villiam Leonelli

Attivazione: 29/09/2017

Scadenza: 31/12/2019

Primo inserimento del 03/10/2017 -- Ultimo aggiornamento del 03/10/2017 ore 19:16 - Stampa