Comune » Uffici » Interventi Economici e attività produttive

FAQ

Sportello Unico Attività Produttive

 

Qual è l’orario di ricevimento del pubblico del Suap – Servizio Interventi Economici?

  • Lunedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 (solo su appuntamento)
  • Martedì dalle ore 8.30 alle ore 10.30
  • Mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 13.00
  • Giovedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.45

 

Dove posso trovare la modulistica per la presentazione delle domande o delle Scia (segnalazioni certificate di inizio attività) allo Sportello Unico Attività Produttive?

La modulistica dei procedimenti di competenza del Suap è una modulistica unificata disponibile sulla piattaforma telematica regionale Accesso Unitario e la compilazione avviene direttamente dal portale. 

La modulistica non presente sul portale  oppure quella che deve essere compilata ed inviata da soggetti diversi dalle imprese è disponibile sul sito internet del Comune Modulistica on line

 

Come si accede al portale "Accesso Unitario"?

Per poter procedere all'inoltro telematico è necessario autenticarsi attraverso credenziali SPIDCarta d'Identità Elettronica (CIE),  Carta Nazionale dei Servizi (CNS) oppure FedERa di livello Alto (in dismissione) ed è richiesto il possesso della firma digitale e requisiti tecnici di sistema.

E' possibile accedere senza autenticazione solo per la consultazione della modulistica unificata.

 

Commercio su aree pubbliche - Mercati e Fiere

 

Posso  partecipare al mercatino  dell’antico e dell’usato “800 e dintorni” anche se non sono un operatore professionale?

Si, il mercatino “800 e dintorni” è un mercatino storico con hobbisti. E’ necessario il possesso del tesserino per hobbisti previsto dalla normativa della Regione Emilia Romagna, da richiedere al comune di residenza (o di Bologna se si risiede fuori regione).   Informazioni per Rilascio tesserino

Per l’assegnazione annuale di un posteggio la domanda deve essere presentata entro il 15 dicembre dell’anno precedente, a decorrere dalla data di pubblicazione sul sito del calendario annuale (si procederà per sorteggio se il numero di domande è maggiore rispetto ai posteggi disponibili)

Per  l’assegnazione giornaliera di posteggio, invece, la domanda può essere presentata durante tutto l’anno. Gli hobbisti in possesso di tesserino possono  presentare la domanda di partecipazione utilizzando il modulo scaricabile dal sito del comune Modulistica on line

 

Sono un imprenditore agricolo, posso partecipare al mercato contadino del venerdì mattina?

Si, se l’impresa agricola è certificata secondo il metodo dell’agricoltura biologica, in quanto il mercato del venerdì, denominato “Biospilla”, è un mercato contadino riservato ai prodotti agricoli biologici. Per la partecipazione occorre presentare domanda al Suap. I partecipanti sono tenuti al rispetto del disciplinare del Mercato Biologico Biospilla

 

Sono un allevatore amatoriale di animali da cortile, posso partecipare al  mercato domenicale dei piccoli animali? Con quali animali?

Sì, al mercato domenicale dei piccoli animali possono partecipare, oltre che imprenditori agricoli e commercianti su aree pubbliche, anche coloro che allevano in forma non imprenditoriale modeste quantità di conigli, uccellini, polli, colombi, a condizione che l’allevamento sia registrato presso l’Azienda Usl del territorio dove si trova l’allevamento.

Per le assegnazioni annuali, fino alla completa occupazione dell’area dedicata (Piazzale in Via Berlinguer) occorre presentare la domanda entro il 15 dicembre dell’anno precedente a quello in cui si intende partecipare.

Per la partecipazione occasionale la domanda si può presentare durante tutto l’anno ma entro il giovedì precedente la prima domenica in cui si vuole partecipare, utilizzando la modulistica pubblicata sul sito del Comune nell’apposita sezione Modulistica on line

Le quote di partecipazione annuale (abbonamenti) e le quote per la partecipazione occasionale sono state fissate con delibera della Giunta Comunale e sono riportate nel modulo di domanda.

Sul sito del Comune c’è una pagina dedicata al Mercato domenicale dei piccoli animali con tutte le informazioni e la normativa.

 

Sono un ambulante, cosa devo fare per avere un posteggio al mercato settimanale del mercoledì?

E' possibile  presentare la domanda di autorizzazione all’esercizio del commercio su aree pubbliche con contestuale richiesta di concessione di posteggio solo ed esclusivamente nei periodi fissati e con le modalità stabilite dal bando per l’assegnazione dei posteggi liberi. I posteggi del mercato che il Comune intende assegnare in concessione pluriennale vengono comunicati alla Regione per la pubblicazione sul B.U.R.E.R.  a gennaio e a luglio di ogni anno.

 

Sono un ambulante, cosa devo fare per partecipare alla “spunta” del mercato settimanale del mercoledì?  

Occorre inviare telematicamente al Suap apposita comunicazione di partecipazione alla spunta tramite il portale Accesso Unitario

Nella comunicazione deve essere indicato il settore trattato (alimentare o non alimentare) e gli estremi dell’autorizzazione al commercio su aree pubbliche di cui si è titolari.

La comunicazione è efficace dopo 30 giorni dalla ricezione da parte del comune ed è valida fino a comunicazione di cessazione da parte dello spuntista.  Entro il 31 marzo di ogni anno, con riferimento alla graduatoria generale delle presenze rilevate sul mercato dalla Polizia Municipale, viene aggiornata la graduatoria annuale degli spuntasti.

 

Sono un ambulante, cosa devo fare per avere un posteggio alla prossima edizione della Fiera di San Giovanni di giugno?

Presentare la domanda entro il termine di 60 giorni precedenti la data di svolgimento della fiera, utilizzando la modulistica del portale Accesso Unitario   per la compilazione on line  e l'invio telematico. 

Il Comune redige una graduatoria in base ai criteri stabiliti dalla normativa regionale e sulla base di questa graduatoria vengono assegnati, per la singola edizione, i posteggi liberi non ancora assegnati in concessione pluriennale.

 

Cosa devo fare per aprire un’attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche in forma itinerante?

L’attività di commercio su aree pubbliche in forma itinerante necessita di un’autorizzazione, detta di tipo B, rilasciata dal comune di residenza del richiedente, persona fisica o giuridica, in cui si intende avviare l’attività. La domanda di autorizzazione al Comune di Spilamberto deve essere presentata in modalità telematica tramite il portale Accesso Unitario  

 

Somministrazione di alimenti e bevande 

 

Sono titolare di un pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande. Quali orari di apertura devo rispettare? Li devo comunicare al Comune?

Le attività commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande possono essere svolte senza osservare il rispetto degli orari di apertura e di chiusura, l'obbligo della chiusura domenicale e festiva, nonché quello della mezza giornata di chiusura infrasettimanale dell'esercizio

Il D.L. 6 dicembre 2011 n. 201 ha infatti liberalizzato, con decorrenza 2 gennaio 2012, gli orari e le aperture dei negozi, dei bar e dei ristoranti .

Non occorre comunicare gli orari o gli eventuali giorni di chiusura al Comune. Resta in vigore solo l’obbligo per tutti gli esercizi di rendere noto al pubblico l’orario effettivo di apertura e chiusura mediante cartelli o altri mezzi idonei di informazione.

Sono titolare di un pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande. Per lo svolgimento di piccoli trattenimenti musicali nei locali del bar devo chiedere delle autorizzazioni?

Non occorre chiedere autorizzazioni o presentare Scia per i trattenimenti musicali, senza danza, a condizione che:

-il trattenimento si svolga in occasione della normale attività di somministrazione,

  • non si allestiscano arredi e strutture che trasformino l’esercizio in locale di pubblico spettacolo o intrattenimento; i locali, cioè, non devono essere resi idonei all'accoglimento prolungato del pubblico il quale deve assistere o partecipare al trattenimento in maniera indiretta e incidentale o casuale
  • non vi sia pagamento di un biglietto per l’ingresso
  • non si applichino aumenti ai costi delle consumazioni.
  • i locali adibiti alla somministrazione abbiano capienza e afflusso non superiore alle 100 persone

Devono essere sempre rispettate le norme in materia di inquinamento acustico. Pertanto occorre presentare la valutazione di impatto acustico e, nel caso non possano essere rispettati i limiti di rumorosità e orario previsti dalla normativa in materia, occorre presentare al Suap richiesta di autorizzazione in deroga ai limiti di rumore tramite il sistema Accesso Unitario

 

Sono presidente di un’associazione senza scopo di lucro che vorrebbe svolgere attività di somministrazione di alimenti e bevande durante una manifestazione. Quali autorizzazioni devo chiedere al Comune?

In occasione di fiere, feste, sagre, mercati o di altre riunioni straordinarie di persone, l'attività temporanea di somministrazione di alimenti e bevande è soggetta a SCIA da presentare al Suap-Servizio Interventi Economici. L'attività temporanea può essere esercitata soltanto per il periodo di svolgimento delle predette manifestazioni e per i locali o luoghi cui si riferiscono e se il richiedente risulta in possesso di requisiti professionali o, in alternativa, se designa un responsabile in possesso di medesimi requisiti, incaricato di seguire direttamente lo svolgimento della manifestazione.

La scia deve essere presentata anche se l’ attività di somministrazione temporanea è svolta nell'ambito di manifestazioni a carattere religioso, benefico, solidaristico, sociale o politico,  ma sono richiesti esclusivamente i requisiti morali e il rispetto delle norme igienico-sanitarie ed in materia di sicurezza.

Se la manifestazione viene organizzata su suolo pubblico occorre richiedere autorizzazione temporanea per l’occupazione al Suap – Servizio Interventi Economici, utilizzando il modello pubblicato sul sito del Comune nella sezione Modulistica on line

 

Commercio in sede fissa

 

Sono titolare di un esercizio commerciale? Posso aprire nei giorni festivi? Quali orari devo rispettare?

Sì, gli esercizi commerciali possono aprire anche la domenica e nei giorni festivi senza limiti di orario. Non c’è l’obbligo di comunicare gli orari al Comune, ma occorre rendere noto al pubblico l’orario di apertura e chiusura mediante cartelli o altri mezzi idonei di informazione.

 

Sono titolare di un esercizio commerciale di generi alimentari. Posso consentire il consumo dei prodotti nel mio locale?

Sì, ma alle seguenti condizioni:

  • tavoli, banchi, piani d’appoggio non devono essere apparecchiati, il cliente al termine della consumazione provvede a ritirare i rifiuti e ripulire il tavolo;
  • possono essere forniti solo piatti, bicchieri e posate monouso
  • il pagamento deve avvenire alla consegna e comunque prima della consumazione
  • è esclusa l’attività di preparazione e di trattamento dei generi alimentari al momento della vendita su ordinazione del cliente;
  • è esclusa la preparazione di bevande (caffè, the, frullati, ecc.)
  • non deve essere esposto e/o consegnato  un “menù”

Qualsiasi forma di servizio assistito da parte del titolare dell’esercizio di vicinato o da parte del personale dipendente si configurerebbe come attività di somministrazione non autorizzata e quindi sanzionabile da parte degli organi di vigilanza

 

Sono titolare di un esercizio commerciale. Cosa devo fare per effettuare una vendita promozionale?

Non è necessario presentare alcuna comunicazione al Comune. Le vendite promozionali possono essere effettuate in numero indefinito. Per alcune merceologie, tassativamente elencate dalla D.G.R.    n.1804/2016 (abbigliamento, calzature, biancheria intima, accessori di abbigliamento, pelletteria e tessuti per abbigliamento e arredamento) non possono essere effettuate nei 30 giorni antecedenti i periodi fissati per le vendite di fine stagione (saldi).

 

Sono titolare di un esercizio commerciale. Cosa devo fare per iniziare la vendita di fine stagione (saldi)?

Per le vendite di fine stagione non occorre presentare comunicazioni al Comune. Le vendite di fine stagione possono essere effettuate solo nei periodi stabiliti dalla Regione Emilia Romagna:

  • saldi invernali: potranno avere inizio dal primo giorno feriale antecedente l’Epifania con la prescrizione che qualora tale giorno coincida con la giornata di lunedì l’inizio dei saldi è anticipato al sabato precedente. La durata massima è di 60 giorni.
  • saldi estivi: potranno avere inizio a partire dal primo sabato di luglio. La durata massima è di 60 giorni

 

Sono titolare di un esercizio commerciale. Cosa devo fare per effettuare una vendita straordinaria di liquidazione?

Presentare una comunicazione al Suap, almeno 15  giorni prima dell’inizio della vendita, attraverso il sistema telematico Accesso Unitario  

Nella comunicazione occorre dichiarare l’inizio e la fine della vendita di liquidazione, il motivo per il quale viene effettuata e la durata (massimo 13 settimane per chiusura attività commerciale e per cessione azienda,  massimo 6 settimane per trasferimento o modifiche ai locali). Le vendite di liquidazione per trasformazione o rinnovo dei locali non possono avvenire nel mese di dicembre.

 

Altre attività

 

Vorrei iniziare l’attività di commercio on line. Devo richiedere un’autorizzazione al Comune?

Per iniziare l’attività di e-commerce non occorre richiedere autorizzazioni.

E’ necessario presentare una Scia (segnalazione certificata di inizio attività) al Comune tramite il portale regionale  Accesso Unitario per la compilazione on line e l’invio telematico. La Scia deve essere presentata al Comune nel cui territorio ha sede legale l’impresa. L’attività può essere iniziata dalla data della presentazione della segnalazione al Comune.

 

Sono un imprenditore agricolo. Dove posso vendere i miei prodotti?

Gli imprenditori agricoli possono vendere i loro prodotti

  • in forma itinerante
  • in posteggi su aree pubbliche
  • in locali privati aperti al pubblico
  • su superfici all’aperto nell’ambito della propria azienda agricola
  • tramite commercio elettronico

Non occorre presentare comunicazione al Comune nel caso di vendita su superfici all’aperto nell’ambito dell’azienda agricola e in occasione di sagre, feste, manifestazioni a carattere religioso, benefico politico o di promozione dei prodotti tipici o locali.

Per effettuare la vendita al dettaglio in locali aperti al pubblico o su posteggio l’imprenditore agricolo deve presentare una comunicazione d’inizio attività al Comune in cui intende esercitare la vendita. Per il commercio itinerante o elettronico la comunicazione dovrà essere presentata al Comune ove ha sede l’azienda di produzione.

 

Vorrei praticare la pesca sportiva e ricreativa (tipo B). Cosa devo fare per ottenere la licenza di pesca?

Non occorre più presentare richiesta di licenza al Comune.  Per la pesca sportiva e ricreativa la licenza è costituita dal bollettino comprovante il versamento delle tasse di concessione regionali (€ 22,75) sul quale saranno riportati i dati anagrafici del pescatore e la causale del versamento. Ha validità di 365 giorni dalla data di effettuazione del versamento. Il bollettino deve essere sempre accompagnato da un documento di identità in corso di validità e, in caso di richiesta da parte degli organi di controllo,  il pescatore dovrà esibire il bollettino e il documento. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina dedicata sul sito della Regione Emilia Romagna 

Primo inserimento del 20/02/2017 -- Ultimo aggiornamento del 01/04/2020 ore 16:28 - Stampa