Comune » Uffici » Servizio Edilizia Privata e Gestione del Territorio - Sportello Unico

Nuove modalità di Accesso Atti digitale per la consultazione dell'archivio delle pratiche edilizie

Descrizione
L'accesso agli atti consente di prendere visione o richiedere copie di atti e documenti relativi a pratiche edilizie.
 
 
Documentazione da presentare
Domanda di accesso agli atti redatta sul modello disponibile sul sito internet facendo particolare attenzione all'indicazione degli elementi essenziali all'individuazione della pratica cioè: intestatario, indirizzo, numero pratica, anno (se disponibili anche i dati catastali: foglio, mappale, particella).
 
Se non si conoscono con precisione gli atti di cui si ha necessità (per esempio, se si ha bisogno di atti relativi a immobili che hanno avuto numerose modifiche nel tempo e quindi diverse pratiche collegate), è bene chiedere chiarimenti allo Sportello Unico dell’Edilizia, presso cui sarà possibile ottenere le informazioni prima di inoltrare la richiesta.
 
 
Dove presentare la domanda
- direttamente all'ufficio Protocollo del Comune;
- via posta o email (è necessario allegare la fotocopia di un documento di identità del richiedente)
- tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) – indirizzo PEC del Comune
 
 
Chi compila l’istanza di accesso agli atti?
La domanda deve essere compilata e sottoscritta da chi ha un titolo, meritevole di tutela rispetto all’immobile oggetto delle pratiche edilizie descritte sulla richiesta. Il richiedente deve essere titolare di un interesse diretto, concreto e attuale per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti (es. confinante, acquirente di immobile con contratto preliminare di compra-vendita, Amministratore condominiale, condomino, CTU, ecc.)
 
Qual è la procedura per l'accesso agli atti?
Esistono due diversi tipi di accesso agli atti con procedura diversa come segue:
 
Accesso informale di un titolare del progetto edilizio o proprietario.
In questo caso l’accoglimento è automatico e la pratica viene recuperata e fornita in visione entro 30 giorni dalla presentazione della richiesta; se il fascicolo è in corso si può fissare direttamente un appuntamento con il Responsabile del procedimento.
 
Accesso formale da parte di terzi.
L’ ufficio è tenuto a dare comunicazione agli eventuali controinteressati, i quali entro 10 giorni dal ricevimento possono proporre motivata opposizione. L’accesso sarà consentito con comunicazione di accoglimento dell’accesso agli atti contenente l’invito a presentarsi e l’indicazione dell’ufficio ed orari.
 
Ricerca di archivio
Il personale amministrativo del SUE, una volta recuperate le pratiche dall’archivio, provvederà a comunicare al richiedente l’accoglimento della richiesta di accesso atti e la disponibilità degli stessi per la visione e l’eventuale estrazione di copia (in formato cartaceo o digitale).
 
Per il ritiro di copie è previsto il rimborso del costo di riproduzione, il pagamento dei diritti di segreteria e dell'imposta di bollo, se dovuta, secondo le modalità e le tariffe stabilite dal vigente regolamento comunale sul diritto di accesso.
 
Il diritto di accesso ai documenti della Pubblica Amministrazione è una diretta espressione del principio di trasparenza che regola l'azione amministrativa.
 
Quanto tempo resta in visione la pratica?
La pratica richiesta resta in visione per 30 giorni dalla comunicazione al richiedente di estrazione della pratica dall’archivio, scaduti i quali sarà necessario presentare una nuova istanza di accesso agli atti
 
 
Tempi:
Come per ogni richiesta di accesso agli atti, il termine massimo è stabilito in 30 giorni.
L'atto digitalizzato o le riproduzioni cartacee verranno consegnate secondo le modalità richieste una volta verificato l'avvenuto pagamento del diritto di ricerca e riproduzione.
 
 
Costi:
Diritti di ricerca e visura (delibera di Giunta Comunale n. 111 del 2/12/2013:
€ 8,00 di diritti di ricerca e visura per ogni pratica edilizia o parte di essa;
la tariffa si applica per ogni singola pratica edilizia richiesta: nel caso l'utente abbia bisogno di più pratiche, deve pagare il relativo corrispettivo per ognuna di esse;
 
Costi di riproduzione (delibera di Giunta Comunale n. 112 del 2/12/2013):
euro 0,20 a facciata per fotocopie/stampe formato A4 in b/n
euro 0,25 a facciata per fotocopie/stampe formato A3 in b/n
euro 0,50 a facciata per fotocopie/stampe formato A4 a colori
euro 0,90 a facciata per fotocopie/stampe formato A3 a colori
euro 0,15 a facciata per scansione documenti (A4-A3 sia b/n e colore)
euro 2,00 per la scansione di ogni elaborato grafico di dimensione superiore al formato A3
Per i grandi formati è previsto solo l’accesso atti digitale (non è prevista la stampa su grande formato degli atti digitalizzati)
 
Imposta di bollo (16 euro) solo nei casi di richiesta di copia conforme all’originale sia sulla domanda che sulle copie.
 
Il pagamento della tariffa, che va a coprire i costi di ricerca e/o digitalizzazione e/o riproduzione, è dovuto anche qualora il richiedente non intendesse più accedere alla pratica;

Il pagamento può avvenire in uno dei seguenti modi:

- direttamente allo Sportello SUE mediante Bancomat o Carta di Credito;
-c/o Tesoreria del comune di Spilamberto – Banco Popolare Soc. Coop filiale di Spilamberto (ex Banco S. Geminiano)– via Berlinguer 12/d - e’ possibile pagare in contanti o assegno circolare.
- mediante versamento su c/c postale n. 17265414  intestato al Comune di Spilamberto - servizio Tesoreria - indicando la relativa causale : “es. diritti di accesso atti”
- mediante bonifico bancario c/o presso BANCA POPOLARE SOC. COOP FILIALE DI SPILAMBERTO - IBAN: IT20-V-05034-
67060-000000004189, indicando la relativa causale: "diritto accesso atti"

norme comunali o superiori:
Legge 7.8.1990, n. 241 "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di acceso ai documenti amministrativi"
DPR 12.4.2006 n. 184 "Regolamento recante disciplina in materia di accesso ai documenti amministrativi"
LR 15/2013
Regolamento comunale sull’accesso atti

I testi di legge sono disponibili sul sito www.normattiva.it

MODULISTICA
Ufficio Urbanistica ed Edilizia Privata

via Roncati, 2 - 41057 Spilamberto (Mo)

tel. +39 059.789.942
fax. +39 059.789.950
e-mail: edilizia.privata@comune.spilamberto.mo.it
referenti:
Assessore all'Urbanistica - arch. Daniele Mandrioli
Assessore all'Edilizia Privata - ing. Fabrizio Nardini
Responsabile - ing. Andrea Simonini
Istruttore Direttivo Amministrativo - dott.ssa Elena La Spisa
Istruttore Amministrativo - Patrizia Nardini
Istruttore Amministrativo - Elisa Elmi


Istruttore Direttivo Tecnico
arch. Miriam Maiellano

Istruttori Tecnici
arch. Massimo Massari - tel. 059.789938
geom. Marcella Zucchini- tel. 059.789955

orari:
Lunedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 (su appuntamento)
Martedì dalle ore 8.30 alle ore 10.30
Mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 13.00
Giovedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19 (ultimo accesso ore 18.45)
Venerdì chiuso
Sabato chiuso.

Valutazione e commento dell'informazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?
Hai trovato le informazioni che cercavi?



Primo inserimento del 23/01/2014 -- Ultimo aggiornamento del 31/01/2018 ore 13:56 - Stampa